Governo: M5s indica Di Maio premier. Salvini: arrivederci

Spread the love

Divergenze sulla premiership tra i grillini e il Carroccio

Dal sereno alla tempesta il passo è stato breve con un raffreddamento improvviso dei rapporti tra Lega e Movimento 5 stelle. Il premier del futuro governo dovrà essere Luigi di Maio. Altrimenti non se ne fa più niente. A dettare la linea in vista della formazione del nuovo esecutivo è Alfonso Bonafede, candidato ministro della Giustizia del M5S. Un fulmine a ciel sereno. Qualcun altro interpreta l’uscita con un lancio di prova per sondare la forza della Lega. “Se noi ai cittadini presentiamo un altro candidato premier, non eletto dai cittadini determiniamo il definitivo allontanamento dalla politica”, ha detto l’esponente grillino ai microfoni di Radio 24 sottolineando che “a queste elezioni i cittadini hanno partecipato con entusiasmo e, quindi, va data una risposta e questa risposta secondo noi non può prescindere dalla presenza di Luigi Di Maio come candidato premier”. Una questione che, pero’, a questo punto rischia di sbattere contro il muro del leader della Lega, Matteo Salvini.

Quello di Luigi Di Maio “non è il modo giusto per partire. Se dovessimo guardate ai numeri rispettando il voto degli italiani, ha vinto il centrodestra. Io sono pronto ma non dico “o io o nessuno”, ha affermato il leader della Lega, nel corso della registrazione di Porta a Porta. “Non puoi andare al Governo dicendo “o io o niente”. Chi dice “o io o nessuno” sbaglia, perché ad oggi è nessuno”, ha chiarito il segretario leghista. “Se Di Maio insiste non se ne fa niente”, ha chiosato Salvini facendo capire che le prove di governo tra la Lega e M5S rischiano di poter fallire da un momento all’altro.

Fonte dell’articolo: ItaliaOggi

 Il M5S: la riforma della scuola va rivista ma non cancellata






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.